martedì 28 settembre 2010

Comunali a Cagliari... ultimo in porta!

Io lo so perché mi chiamano, lo capisco subito quello che mi vogliono dire. Alcuni ci girano attorno, altri vanno dritti al punto: "Perché non ti candidi a sindaco di Cagliari?". Rispondere semplicemente "no" non basta a bloccare sul nascere la discussione, perché questo atteggiamento di chiusura viene letto come la volontà di essere lusingati ancora un po' (e infatti qualcuno mi ha anche detto: "Tanto lo so che se insisto mi dici di sì").
E invece no.
Perché? Cercherò di essere sintetico.
Perché voglio fare il giornalista e non il politico.
Perché non ho le qualità per ricoprire un ruolo così impegnativo.
Perché sarebbe un suicidio, visto che il centrosinistra non è coeso e quindi non è in grado di vincere nessuna elezione (se non per abbandono degli elettori, come si è visto alle recenti Provinciali).
Perché sarebbe un modo per lavarsi la coscienza: chiedere a qualcuno di fare opposizione per tre mesi dopo non aver fatto quasi nulla per cinque anni mi sembra troppo comodo.
Perché il centrosinistra a Cagliari può vincere solo se candida politici che hanno già una certa esperienza amministrativa. Volete i nomi? Chicco Porcu, Claudia Zuncheddu e Marco Espa farebbero al caso nostro. Ma anche Maria Antonietta Mongiu.
Per cui, se le quattro persone che ho citato si tirano indietro (ma ci sarebbero anche tanti altri nomi e se volete ve li faccio), perché dovrei propormi io? Per garantire sonni tranquilli al Pd?
Per cui, come ci dicevamo quando eravamo piccoli e andavamo al giocare a pallone al vicoletto, "Comunali a Cagliari... Ultimo in porta!".

48 commenti:

  1. Mi sembra una posizione sensata. In Italia, dove anche l'ultima aspirante velina vuole fare politica, addirittura controcorrente.
    Che poi il centrosinistra stia solo cercando un Malaussène da bruciare, non avendo nessuna intenzione di correre seriamente alle elezioni, forse è solo una mia impressione...
    Elena

    RispondiElimina
  2. mutatis mutandis e più in piccolo (nessuno mi chiede di fare il sindaco, ma ogni tanto mi spronano a gettarmi nell'arena), hai riassunto bene i motivi per cui non mi passa neanche per l'anticamera del cervello.

    ps: benvenuto!

    RispondiElimina
  3. Se Biolchini si candidasse a sindaco di Cagliari ci sarebbe un ottimo giornalista in meno e un probabile amministratore inadeguato in più.
    Mister B.

    RispondiElimina
  4. "Perché voglio fare il giornalista e non il politico".

    In Italia si parla sempre della mancanza di editori puri... Io aderisco alla "voglia" di Vito e al capovolgimento del concetto: viva i "giornalisti puri", cioè quelli che fanno semplicemente il loro mestiere...

    :)
    Ottavio P.

    RispondiElimina
  5. Vito...e se invece del centrosinistra ti candidassi con la listaa 5 stelle dei grillini?

    RispondiElimina
  6. Caro Vito, mi ricordi Gigi Riva quando risponde alla stessa domanda, e mi sembrano, la tua e la sua, posizioni da rispettare. Mestamente, ma da rispettare.

    RispondiElimina
  7. Ciao Vito e complimenti per il tuo lavoro.
    Ti seguo sempre e ritengo che sia un giornalista nel vero senso della parola. Di quelli che non si ferma davanti a nulla.

    Non capisco però, forse perché non sono informato..
    Chi ti chiede di candidarti? Oltre agli SMS a Buongiorno Cagliari che tralascierei, anche il PD per caso? O il PDL, addirittura?

    Grazie e ciao, buon lavoro!

    RispondiElimina
  8. rilevo comunque la positività della richiesta, visto che per alcuni esaltati Buongiorno Cagliari è una trasmissione filo-cappellacci, come notoriamente vengono catalogati tutti quelli che non si prostano quattro volte al giorno col tappetino verso via Emilia. Quindi anche le pedate sulle gengive sono pedagogiche. A parte gli scherzi concordo con Vito:per fare il sindaco occorre anche esperienza politica sul campo.

    RispondiElimina
  9. La tua è una scelta responsabile. Peccato che la maggior parte dei politici non la applichino prima di candidarsi

    RispondiElimina
  10. Nicola Di Cesare28 settembre 2010 13:07

    Concordo con la filosofia della separazione dei poteri. Chi fa seriamente il giornalista non può sintonizzare il proprio atteggiamento professionale con l'attività politica. La stampa, quella della quale ancora in qualche fottuto angolo di giornale si possono trovare le tracce, è nata per fare le pulci alla politica e non deve mai avere favori da restituire. Ti conosco, anche personalmente e so che in questo puoi essere un esempio da imitare. Legati all'albero maestro e non ascoltare le sirene. Auguri e buon lavoro.

    RispondiElimina
  11. Troppi complimenti, cominciamo male ragazzi... Dei nomi che ho fatto, ve ne piace qualcuno in particolare?

    RispondiElimina
  12. Se prima ti apprezzavo, ora dopo questa dichiarazione ti apprezzo ancora di più, dimostri ancora una volta serietà, qualità rara in questo periodo.
    A me piacerebbe Claudia Zuncheddu, per le idee e perchè no, perchè donna.

    RispondiElimina
  13. Oh, ma il sondaggio non se lo fila nessuno?? Coraggio!

    RispondiElimina
  14. A me pare che Vito faccia una riflessione piena di buon senso. Motiva il suo "no" ma indica anche nomi "nuovi" per Cagliari. Dimostra il suo amore per il piu bel mestiere del mondo ,e lo fa nella semplice ma lucidissima analisi sul centro sinistra in Sardegna(e aggiungerei in Italia).Stato di salute comatoso. Tra veltroniani,bersaniani(o dalemiani)è una bella lotta:forse è meglio se Vito resta al timone di Radio Press per raccontarci con sapienza "che succede in città"..
    ti saluto caro collega

    RispondiElimina
  15. Solo Chicco Porcu. Gli altri no, per vari motivi: Marco Espa è indeciso, Claudia Zuncheddu ci mette molta ideologia e poca sostanza. Maria Antonietta Mongiu chi la vota? Gli operatori culturali? Ah ah ah

    RispondiElimina
  16. caro vito, dei nomi che hai fatto mi sembra che l'unica persona in grado di infilare il dito nelle piaghe del centrodestra sia claudia zuncheddu.. ma proprio per questo non sarà lei la candidata.. a meno che tutto ciò che sta a sinistra del pd si decida finalmente di uscire dalla difensiva per correre senza dover aspettare il pd che a mio avviso si trova a proprio agio più con fantola che con la zuncheddu..

    RispondiElimina
  17. Auguri per il blog e buon lavoro!!!
    Noi vogliamo Ornella!

    RispondiElimina
  18. Concordo su Claudia Zuncheddu e Marco Espa, entrambe persone giovani, che sanno come funziona l'amministrazione pubblica, ma anche come si muove e che esigenze ha la società civile. Chicco Porcu non lo conosco.
    Sulla tua proposta di candidare Antonietta Mongiu, ho invece sono due parole: "No! Pietà!".
    Non voglio dire che non sia una brava persona, ma si perde in mille bizantinismi, non sa delegare, è pasticciona. Non la voterei mai.

    Barbara

    RispondiElimina
  19. Vito se ti candidi prendo la "nazionalità" casteddaia solo per votarti

    Marlon Brundu

    RispondiElimina
  20. Benvenuto in Internet! A quando faccia 'e libru?

    Bel Post, niente da aggiungere.

    Solo un piccolo consiglio: Su buongiorno cagliari prendi in giro i correttori di bozze dell'unione sarda e la loro SCIATTERIA.

    Rileggiti bene il post prima di pubblicarlo!
    :-)

    RispondiElimina
  21. Complimenti per il blog. Ma sarebbe stato meglio aprirlo sulla piattaforma Wordpress

    RispondiElimina
  22. ne!!!! il primo..
    comunque condivido. I nomi ci sarebbero e sono tutti validi. e poi tra le righe c'è scritto ... c'è tempo....

    RispondiElimina
  23. una lotta a tre sarebbe perfetta: Claudia, Marco, Chicco

    RispondiElimina
  24. @Vito Marco Espa mi sembra un buon nome, vedo che si batte spesso per delle giuste cause, Chicco Porcu noddupozzubiri troppo banderuola, in più è uno che senza Soru non va da nessuna parte. Anche Maria Antonietta Mongiu sarebbe una buona scelta. Claudia Zuncheddu non ce la farà mai..

    RispondiElimina
  25. Io ho votato. La risposta è scontata. Il centrodestra governa Cagliari da sempre. Alla sinistra va bene "lavorare" nell'ombra con i vari enti.

    RispondiElimina
  26. Zoncheddu andrebbe benissimo, anche porcu e espa, ma s'accabadora no, vi prego...

    RispondiElimina
  27. Auguri per il blog, Wytold il Censore!

    Dei quattro nomi che proponi penso (voti da 0 a 10):
    Chicco Porcu 0 (zero) - non mi sembra che abbia la necessaria preparazione culturale.
    Claudia Zuncheddu 5 (cinque) - mi piacerebbe ma non sono certo delle sue capacità organizzative
    Marco Espa 6 (sei) - mi piacerebbe anche se un maggior rigore nel suo lavoro non mi dispiacerebbe
    Maria Antonietta Mongiu 5 (cinque) - la campagna elettorale potrebbe non essere un successo, immagino.

    Nel caso in cui tu ti candidassi ti darei 4. E chi se le sorbirebbe le tue prediche da Sindaco? Almeno alla radio uno spegne.

    RispondiElimina
  28. Condivido la scelta di restare dall'altro lato della barricata. Un giornalista che fa veramente il giornalista, come fai tu quotidianamente, ha un dovere morale nei confronti sia della politica, sia del suo pubblico. La politica deve essere sottoposta a costante controllo da parte dell'informazione, che può anche essere scopertamente - e quindi onestamente - di parte, fintanto che non scade nell'ideologia e nella manipolazione del reale (non credo, onestamente, che sia possibile essere completamente neutrali quando si fa informazione, ma l'importante è non perdere di vista il senso primario del proprio lavoro). Il pubblico deve giovarsi del lavoro del giornalista senza che questo sia implicato in interessi di ordine superiore, e quindi irrimediabilmente condizionato. Insomma, meno Artizzu e più Biolchini per tutti!

    Quanto al candidato sindaco, Claudia Zuncheddu per tutta la vita, già votata senza pentimenti alle regionali.

    RispondiElimina
  29. Biolchini Sindaco.Via quelle teste bianche! Ripensaci.

    RispondiElimina
  30. a me i nomi che proponi sembrano peggio che andar di notte. forse la meno peggio è la zuncheddu, ma mi sembra inadeguata alla responsabilità di sindaco.

    RispondiElimina
  31. commercialista comunista28 settembre 2010 15:43

    Bravo Vito, sono sempre felice di leggerti e sentirti! Se hai deciso di fare il giornalista prosegui su questa strada...sei bravissimo.. quando uno decide di fare il politico purtroppo decide anche di abbandonare buona parte dei propri principi e vivere una vita fatta di compromessi.

    RispondiElimina
  32. Marco Espa candidato sindaco non sarebbe male...
    sarebbe ancora meglio se tutti i nomi che hai fatto si candidassero e finalmente il PD facesse le primarie.
    Sarebbe bello...
    ..sarebbe.

    Enrico B.

    ps.
    in bocca al lupo per il blog.

    RispondiElimina
  33. A me pare che Biolchini non sia l'unico a gridare "ultimo in porta" http://massimomarini.blogspot.com/2010/09/biolchini-apre-un-blog-e-rifiuta.html

    RispondiElimina
  34. direi Espa, che avrebbe un buon appeal fuori dal recinto del centrosinistra, ma anche Chicco Porcu -e non è vero che senza soru non va da nessuna parte, poi c'è la stroncatura autorevole,(0!) e allora vuol dire che va bene. La Mongiu mai, non ha nessun consenso sperimentato e raccoglie dissensi trasversali. Ideale per perdere rovinosamente.
    Neo

    RispondiElimina
  35. Mi sembra il classico gioco del cerino acceso, tanto lo si sa che qualcuno si deve bruciare le dita.
    In ogni caso un candidato serio mai accetterebbe di sacrificare la propria credibilità in nome del partito, compiendo in tal modo il fatale gesto.
    Quel modo di fare politica per fortuna è morto e sepolto. Serve progettualità, idee chiare e praticabili e soprattutto vere primarie. Altro che storie!

    RispondiElimina
  36. si ad un politico che si è già cimentato e che acchiappa voti. Io dico Marco Espa

    RispondiElimina
  37. Io dico anche Massimo Zedda...

    RispondiElimina
  38. Non è pensabile vincere a Cagliari cominciando a muoversi sei mesi prima delle elezioni. La fiducia della gente la si conquista con la presenza nei quartieri, interessandosi di quella che può sembrare stupida quotidianità (uno dei pochi che si impegna in questo senso è Gianfranco Carboni). Invece il centrosinistra arriva a ridosso dell'appuntamento elettorale sperando di estrarre un coniglio dal cilindro. Tanto, se va male, è il coniglio che finisce a socchittu.
    Stefano

    RispondiElimina
  39. A pensarci bene dire "Ultimo in porta!", non equivale a dire "Mai in porta!". E' solo differire l'inevitabile.
    Biolchini, candidati!
    Stefano

    RispondiElimina
  40. il senso della proposta Biolchini credo sia da ricondurre ad una esigenza di vedersi occupare della vota pubblica persone, uomini e donne, che hanno fatto e sanno fare bene il loro mestiere. non sono un grande supporter della contrapposizione tra "tecnici" e "politici", ma credo che chi ha fatto bene nell'industria, sanità, professioni, etc debba aver l'impegno morale di fare qualcosa anche per tutti e per la società: andrebbe quasi costretto a farlo! obbligato! non è un problema di capacità amministrativa, è un problema di idee e del modello di città e società. i politici che conosco io non hanno idee ne modelli, non viaggiano, non fanno confronti, non leggono nemmeno. cosa possono dare?
    ecco perchè persone come vito andrebbero bene anche e sopratutto per una citta come cagliari che ne ha un grande bisogno. idem per regione of course ...

    RispondiElimina
  41. Biolchini sindaco e Ada Lai a condurre Buongiorno Cagliari con Elio (e Urgu Alter Nos)

    RispondiElimina
  42. I migliori auguri!!!
    Questo passo del blog però comporterebbe anche un atteggiamento diverso nella manifestazione delle proprie opinioni o in certe risposte: in occasione delle provinciali, a Buon Giorno Cagliari ti chiesi - vanamente - un endorsement (un utente su FB ha parlato di un blog "stile britannico"!). A questo punto non potresti più sottrarti!!!
    Buona pedalata...!!!
    Al

    RispondiElimina
  43. io vedrei bene claudio cugusi, no espa mi sembra un tristone un poco bigotto

    RispondiElimina
  44. Se Marco Espa si candida torno dall'Africa per dargli il mio voto ( chissà se mi rimborsano il biglietto). Va bene come voto di sondaggio? La sinistra casteddaia in questi anni ha espresso una unica volontà cioè tenere il sedere al caldo e non agitare le acque, mai, per nessun motivo. Ho votato Espa per le regionali e ancora di più lo farei per averlo come sindaco di Cagliari nella speranza che da quella posizione possa definire una politica un pò più "personale". In quanto all'essere giovane non esageriamo. Marco Espa è un uomo maturo. Giovani sono i trentenni e i trentenni della sinistra li teniamo sotto sale finchè non ne hanno 50 o 60. Il leader laburista ha 41 anni e se tutto va bene entro i 51 sarà già stato primo ministro 2 volte e prossimo a un onorevole ritiro in pensione.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.